Considerato uno degli alpinisti più eclettici della sua generazione, ha raggiunto gli 8000m senza ossigeno sulla parete Nord del K2 e vinto la prova di velocità alle prime gare mondiali su roccia. A 30 anni, il passaggio alla cinematografia di montagna è quasi naturale. Esordisce alla regia e alla camera con una trilogia sul free-climbing esotico (Seychelles, Tailandia, Polinesia). Inizia così una lunga produzione di documentari che in 30 anni lo portano in tutto il mondo: Antartide, Yukon, Alaska, Canada, California, Florida, Utah, Nevada, Messico, Repubblica Domenicana, Perù, Cile, Argentina, Sud Africa, Lesotho, Namibia, Mali, Kenia, Uganda, Seychelles, Madagascar, Marocco, La Reunion, Camerun, Burkina Faso, Benin, Siberia, Libano, Oman, India, Nepal, Tibet, Xinkiang cinese, Malesia, Borneo, Sumatra, Bali, Java, Sulawesi, Isole Figi, Nuova Zelanda, Australia, Papuasia. Il suo primo romanzo è “Il ghiacciaio di nessuno” a cui segue “Il Corno del Vento” ambientati durante la Guerra Bianca in Adamello. “Ndoki” è un libro di viaggio scritto durante una spedizione cinematografica per Discovery nelle zone alluvionali del Congo. “Coral climb” è la sua autobiografia.

 

Sarà presente ai seguenti eventi: